febbraio 18, 2013

scacco al raffreddore, in due mosse

Il fatto che siamo nella stagione dei raffreddori e delle influenze non significa affatto che li si debba accettare. Ed è altrettanto vero che non è con la sola chimica industriale che si possono combattere.

Sta di fatto che qualche giorno fa, ho capitolato anche io.

Il mio viso era una terribile ed informe maschera liquida: gli occhi, che bruciavano di un fuoco malato, lacrimavano senza sosta ed il naso pareva un rubinetto indiavolato.

Ho lasciato passare due giorni a navigare in quel mare malsano, prima di permettere alla lampadina giusta di accendersi. La maggior parte delle volte trovo risposte in qualche libro, sicché anche questa volta ...

febbraio 15, 2013

sciolgo le trecce ai cavalli

È lì che inesorabilmente cadono, complice la forza di gravità, i caduti nella battaglia contro la spazzola o magari semplicemente suicidi, per stanchezza, che si lasciano cadere a terra.

I capelli (miei, lunghi). Il tappetino del bagno. Io.
Questi i protagonisti della torbida storia.

Possiedo un aspirapolvere, ma in tutta franchezza trovo noioso mostrargli scampoli di mondo ogni due giorni per aiutarmi a debellare il nemico mal celato.
L'alternativa di sbatterli energicamente fuori dalla finestra, oltre che a minare la convivenza col vicinato, risulta anche poco efficace.

Dalle rovine della memoria ho recuperato una nozione trovata per caso nella rete, e bastò semplicemente modificarne il fine.
Tempo fa, infatti, trovai il suggerimento di utilizzare quelle spugnette "abrasive" sugli abiti al fine di togliere nostalgici pelucchi lasciati da maglioni espansivi ed invadenti.